To support our site, Class Central may be compensated by some course providers.

Introduzione alla fisica sperimentale: meccanica, termodinamica

Politecnico di Milano via Coursera

students interested
  • Provider Coursera
  • Subject Physics
  • $ Cost Free Online Course (Audit)
  • Session Upcoming
  • Language Italian
  • Certificate Paid Certificate Available
  • Effort 5-6 hours a week
  • Start Date
  • Duration 5 weeks long

Taken this course? Share your experience with other students. Write review

Overview

Sign up to Coursera courses for free Learn how

Il corso affronta le tematiche della meccanica e della termodinamica, fornendo le nozioni che risultano utili per affrontare insegnamenti di fisica di base, a partire dalla comprensione del metodo sperimentale per poi mostrare le grandezze fondamentali e loro relazioni in tali ambiti, imparando a identificarle, distinguerle e utilizzarle.

Gli argomenti affrontati relativamente alla meccanica sono, divisi per settimane:
· cinematica del punto materiale ed esempi di moti
· dinamica del punto materiale ed esempi di forze
· lavoro, energia, urti e gravitazione universale

mentre per la termodinamica si ha
· cinematica e dinamica dei liquidi ideali
· temperatura, gas ideali, calore, macchine termiche ed entropia

All’interno di ogni settimana si trovano video relativi a lezioni, esercizi ed approfondimenti su alcuni argomenti, nonché quiz a risposta chiusa allo scopo di fornire allo studente l’opportunità di un primo feedback di auto-valutazione. Ognuna delle tematiche si chiude poi con un quiz riepilogativo per verificare l’acquisizione delle nozioni presentate.

Syllabus

Cinematica
La disciplina scientifica che tratta del moto in tutti i suoi aspetti prende il nome di meccanica, che viene suddivisa per comodità in tre branche: la cinematica (come descrivere il moto), la dinamica (capirne le cause) e la statica (come eventualmente impedirlo). Ciò che verrà presentato non è il moto di un qualsiasi corpo, bensì di un sistema semplice, il più semplice possibile: il punto materiale. Dicendo punto materiale non ci si intende riferire alle dimensioni dell’oggetto (come per il punto geometrico), ma al fatto che o si sta osservando il corpo da molto lontano relativamente alle sue dimensioni o se ne sta trascurando il moto proprio. I concetti presentati saranno quelli della posizione, della velocità e dell'accelerazione, nonché alcuni esempi di moti tra i più classici e ricorrenti nella vita quotidiana. Dopo aver descritto il moto dal punto di vista della traiettoria percorsa (cinematica scalare), lo si analizzerà come un osservatore esterno (cinematica vettoriale), cambiando prospettiva: il moto è lo stesso, ma descritto diversamente a seconda dell'osservatore.

Dinamica
Dopo aver studiato come descrivere il moto, ora si vuole conoscere quale ne sia la causa, così da sapere come crearlo o, più in generale, come modificarlo; i principi che descrivono la dinamica del punto materiale sono stati analiticamente formulati da Newton, e perciò la meccanica del punto è nota anche come meccanica classica o newtoniana. Il problema generale della dinamica consiste nel determinare il moto del punto materiale una volta noto il suo stato meccanico iniziale (posizione e velocità) e quali siano le forze in gioco. Dopo la presentazione e lo studio dei tre principi della dinamica, vengono presentate alcune delle forze che si incontrano nello studio della fisica, mostrandone l'ambito di applicazione e le loro caratteristiche.

Energia, urti, gravitazione
Dall’equazione fondamentale della dinamica del punto materiale (che è espressa in forma puntuale, descrive ciò che avviene in una precisa posizione) possiamo costruire un'espressione in forma integrale, con la quale non interessarci di ciò che avviene nelle posizioni intermedie percorse dal punto, ma studiando direttamente la posizione finale che raggiungerà. Per far questo dobbiamo introdurre il concetto di energia, molto probabilmente il concetto più importante della fisica. Si analizzano poi i sistemi di punti: se per identificare la posizione di un punto servono 3 coordinate, per N punti il numero aumenta considerevolmente nel caso in cui N sia grande (è pari a 3N). Talvolta però è più significativo (e realizzabile) avere una conoscenza complessiva del sistema piuttosto che la conoscenza di ogni singola parte che lo compone. Esempi di applicazione di queste proprietà globali verranno visti studiando i fenomeni degli urti (interazioni brevi e intense tra due punti materiali) e della gravitazione universale (responsabile sia del peso sia del moto dei pianeti nel sistema solare).

Liquidi
Alcuni corpi non si possono pensare come rigidi, in quanto costituiti da moltissime particelle in continuo movimento e la cui forma (e talvolta il volume) è dettata solamente dal recipiente nel quale sono contenuti, come i fluidi (liquidi o gassosi). Poiché i fluidi non hanno forma propria, i principi e le equazioni della meccanica non vengono applicate a singole particelle (per mezzo dei concetti di massa e forza), ma a piccole porzioni di fluido (usando i concetti di densità e pressione). Come per il punto materiale, anche per i fluidi se ne può analizzare la statica (ricordando i principi di Pascal e di Archimede) per poi passare alla dinamica che ne descrive il moto tenendo conto delle forze in gioco (per mezzo della legge di Leonardo e del principio di Bernoulli).

TERMODINAMICA
La termodinamica si occupa di studiare la relazione tra i fenomeni meccanici (visti in precedenza) e quelli termici (relativi al riscaldamento) del sistema, come nel caso di forze d'attrito; in particolare, la termologia è quella branca della termodinamica che studia la generazione e la propagazione del calore, una diversa una forma di trasferimento di energia utile a produrre i fenomeni termici. La termodinamica classica non tiene conto di come sia fatta la materia, ma cerca di derivarne le proprietà e relative leggi in base all’osservazione, senza tentare di darne una spiegazione, con un approccio empirico; nasce così ad esempio la definizione di temperatura. Come in precedenza per i liquidi ideali, verrà presentato il caso del gas ideale mostrandone le caratteristiche principali, possibili sue trasformazioni e alcune applicazioni quale l'uso in macchine termiche per la produzione di lavoro.

Taught by

Maurizio Zani

Help Center

Most commonly asked questions about Coursera Coursera

Reviews for Coursera's Introduzione alla fisica sperimentale: meccanica, termodinamica
4.5 Based on 4 reviews

  • 5 stars 50%
  • 4 stars 50%
  • 3 star 0%
  • 2 star 0%
  • 1 star 0%

Did you take this course? Share your experience with other students.

Write a review
  • 1
Anonymous
4.0 yesterday
Anonymous completed this course.
Ben fatto e ben strutturato.

Potrebbe approfondire di più su certi aspetti, specie nella parte matematica, ma anche in alcune parti concettuali.

Rimane tuttavia uno dei migliori corsi divulgativi sulla fisica di base che si possono trovare online
Was this review helpful to you? Yes
Francesco B
4.0 yesterday
Francesco completed this course.
Il corso ha affrontato in modo esaustivo il programma di fisica solitamente svolto alle scuole superiori con un approccio più vicino a quello universitario.
Was this review helpful to you? Yes
Anonymous
5.0 yesterday
Anonymous completed this course.
Corso molto utile ed interessante. Le spiegazioni sono chiare e precise e consentono un ottimo ripasso/approfondimento degli argomenti trattati. Lo consiglio.
Was this review helpful to you? Yes
Anonymous
5.0 yesterday
Anonymous completed this course.
Very nice MOOC with good explanations and a lot of consistent examples ! Helped me for a electromagnetism exam. Many thanks.
Was this review helpful to you? Yes
  • 1

Class Central

Get personalized course recommendations, track subjects and courses with reminders, and more.

Sign up for free

Never stop learning Never Stop Learning!

Get personalized course recommendations, track subjects and courses with reminders, and more.